Origini

Parola di Carlo Dolcini

Le prime edizioni della Bologna Raticosa si tennero dal 1950 fino al 1954 e il percorso di 42 chilometri dal ponte di San Ruffillo, alle porte di Bologna, fino al passo della Raticosa faceva sì che per lunghezza fosse la seconda gara in salita in Europa dopo la Parma – Poggio di Berceto.

Dopo una interruzione di 8 anni la gara riprese nel 1962 con il percorso accorciato di circa 10 chilometri rispetto all’originale con la partenza davanti all’hotel Posta di Pianoro Vecchio.

Nel 1969 dopo gli epici duelli tra gli specialisti dell’epoca la corsa fu definitivamente sospesa.

Dal 2001 grazie all’impegno di Francesco Amante e di un gruppo di amici le auto storiche hanno ripreso a gareggiare sul tratto Pianoro Vecchio – Livergnano di 6,2 chilometri.

Dopo l’ultima edizione tenutasi nel 2015, nel 2019 la gara è stata riportata con validità di Campionato Italiano di Velocità in Salita per Auto Storiche.

Nel 2020, nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, la gara è stata la prima manifestazione del CIVSA, aprendo il campionato composto di solo 4 gare e riuscendo così nell’intento coraggioso di riportare i piloti a correre dopo mesi di limitazioni nel rispetto del protocollo sanitario Covid-19, in massima sicurezza per gli organizzatori e per i partecipanti alla gara a cui si è aggiunta la presenza di auto moderne e auto d’epoca in Parata.

Nel 2021 la gara, alla sua 33a edizione, è stata confermata con validità per il Campionato Italiano di Velocità in Salita per Auto Storiche e la manifestazione è aperta anche alla presenza di auto moderne e auto d’epoca in Parata. L’anno 2021 la Scuderia Bologna Squadra Corse celebra i 15 anni di attività del club.